.
Annunci online

 
enzocumpostu 
Enzo Cumpostu: cose dette e non...
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Croce Rossa Italiana
Esercito Italiano
Arma dei Carabinieri
Polizia di Stato
Guardia di Finanza
Centrale Operativa 118 MILANO
118 Italia.net
On. Gianfranco Paglia (Magg. par. MOVM R.O.)
Forze Armate Israeliane
Associazione Paracadutisti d'Italia
Associazione Radioamatori Italiani
Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta
Enzo Cumpostu: biografia in sintesi
Alleanza Nazionale
Servizi Informazione e Sicurezza della Repubblica Italiana
NATO JFC Napoli
La Questura di Nuoro sul Web
Cap. Carla Selvestrel
  cerca

IO VIVO PER LEI... IO NON SO CHE COSA NE SARA' DELLA MIA VITA E SE MAI TROVERO' QUALCUNA CHE MI AMI E SOPPORTI MA UNA COSA E' CERTA: TU RESTERAI SEMPRE NEL MIO CUORE. FINO ALLA FINE... 4 NOVEMBRE 1918 - 4 NOVEMBRE 2012 Quasi un secolo è passato dal primo grande conflitto armato di coinvolgimento globale o da quella che per noi italiani potrebbe essere stata la quarta guerra d'Indipendenza; centinaia di migliaia di morti in quel di Redipuglia e non solo. Fronti e trincee, ospedali da campo e ospedali militari di presidio delle volte improvvisati alla bell' e meglio in conventi, scuole, chiese. Il ruolo della Croce Rossa Italiana e di quella Internazionale, le storie di uomini e donne: americani obiettori ante-litteram e bellissime crocerossine britanniche che si incontrano e si innamorano: dietro tutta l'assurdità di una guerra non compresa da molti, ufficiali compresi. Dedicato a una Donna Speciale: film "Addio alle Armi" con Rock Hudson, Jennifer Jones, vittorio De Sica e Alberto Sordi. THE MASTER OF THE GUITAR: ABSOLUTELY (VIDEO EMBEDDED FROM THE BBC BRITISH BROADCASTING CORPORATION)

Silendo Libertatem Servo: io servo la libertà in silenzio; questo era il motto dei cosiddetti "Gladiatori" appartenuti per circa quarant'anni alla famosa organizzazione NATO conosciuta come "Stay Behind". Prossimamente un articolo che considererà le due facce della medaglia: la Gladio ufficiale e quella non ufficializzata e smentita da tutti coloro che ne fecero in un certo qual modo parte definita "Gladio delle Centurie"; due versioni su come era organizzata la Stay Behind soprattutto su quelli che furono i ruoli della medesima in Italia e all'estero.



Al di fuori della mischia:
La torre di Babele
( blog di Pino Scaccia )

http://liberaliperisraele.ilcannocchiale.it



DISCLAIMER ATTENZIONE:
l'Autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori lesivi dell'immagine o della onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. I commenti offensivi, su richiesta della parte lesa, potrebbero essere dunque rimossi. Inoltre, chiunque possa vantare diritti d'autore su immagini, testi o filmati contenuti in questo blog, può segnalarmelo, per vedere ripristinato il proprio primato, al seguente indirizzo di posta elettronica: 
enzocu@tiscali.it  



La torre di Babele   



Return to Website

Powered by Technorati

Locations of visitors to this page 







banner Tocqueville
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.
Non puo' per tanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001.






Previsioni Meteo Nuoro


 

Diario | Il Guastafeste | Donne Speciali | Dedicato agli amici | L'altra faccia dell'Amore | Diversamente abili ma...Dinamici!!! | Di tutto un pò | Caro Enzo, ti scrivo... | Lettera aperta a... | 118, Croce Rossa e dintorni... | VideoMiscellanea | Chiacchierata virtuale con... | Politica regionale | Panorama Difesa in Italia e Forze Armate nel mondo | Politica locale | Security & Intelligence | L'OSSERVATORIO ITALIA | EUROPEE 2014 CON FRATELLI D'ITALIA |
 
Diario
1visite.

17 novembre 2007

I caduti nelle forze dell' ordine: tra eroi, disgrazie e tragici errori

  Non fu l'orunese Giovanni Farina a uccidere l'ispettore della Polizia di Stato Samuele Donatoni durante il sanguinoso conflitto a fuoco che seguì al pagamento del riscatto per il sequestro Soffiantini in località Riofreddo; lo hanno stabilito i giudici della Corte d'Assise d'Appello di Roma che hanno assolto per non aver commesso il fatto l'ex-latitante orunese, in carcere ad Ascoli Piceno per scontare 28 anni e mezzo di reclusione inflitti per il sequestro del noto imprenditore bresciano, dopo la cattura delo stesso Farina avvenuta a Sidney. Noi tutti ci chiediamo dunque chi è stato; se fu cioé fuoco "amico" per un tragico errore e infausta disgrazia o opera di fuoco "nemico" visto che proprio nei primi momenti delle indagini la responsabilità fu attribuita all'ovoddese Mario Moro, altro elemento di spicco della criminalità sarda e morto dopo essere stato catturato dalla Polizia in seguito alle gravi ferite riportate in quel tragico scontro a fuoco con le unità dei NOCS, il Nucleo Operativo Centrale di Sicurezza della Polizia di Stato.
Si andrà a una revisione del processo?

PER NON DIMENTICARE FRANCESCO: QUEL POLIZIOTTO NUORESE MORTO A ROMA NEL 1981...

 La Polizia di Stato, così come l'allora Corpo Guardie di Pubblica Sicurezza e più in generale tutte le forze dell'ordine hanno avuto decine, centinaia, forse migliaia di caduti nell'ultimo secolo: ed è sbagliato credere che per caduti si intendono solo coloro che sono stati vittima di conflitti a fuoco con malviventi o oggetto di attentati dinamitardi o azioni di fuoco terroristiche negli anni di piombo. Perché, vedete, ci sono anche i caduti di servizio in seguito a incidenti sul lavoro e sul luogo del lavoro, per suicidio (imputabile spesso e volentieri a fattori o motivazioni inerenti l'attività lavorativo-operativa stessa o lo stress psico-fisico per l'opera svolta) per non parlare poi di tutti quegli operatori delle forze dell'ordine caduti in incidenti stradali (per esempio durante inseguimenti o in attiità addestrativa) ed aerei.
Oggi, nonostante nel mio blog ne abbia già parlato più di una volta, voglio ricordare per l'ennesima volta Francesco Straullu, il 26enne giovanissimo Capitano della Polizia nativo di Nuoro, cità nella quale ha vissuto e studiato fin quando ha determinato l'intenzione di arruolarsi nella Accademai per Uffciali di P.S.; il Capitano Straullu è morto il 21 Ottobre 1981 a Roma a seguito di un agguato  portato a termine da una organizzazione terroristica di estrema destra; Straullu era uno dei migliori e dei più brillanti investigatori che la Polizia avesse a disposizione in quegli anni; da giovane Tenente si interessò anche del sequestro di Aldo Moro. Uomo della D.I.G.O.S. (Direzione Investigazioni Generali ed Operazioni Speciali) romana, Strullu fu scelto tra tanti ufficiali quale funzionario di PS su cui facevano capo tutte le indagini sul mondo dell'eversione di estrema destra e per il suo grande impegno (la sua opera portò alla cattura di decine e decine di terroristi) e la sua grande abilità come investigatore fu condannato a morte dai NAR.
Stranamente, l'esecuzione del giovane Capitano di PS e del suo giovane autista, l'agente di PS Ciriaco Di Roma, avvenne nel momento in cui l'auto blindata era in officina a seguito di un guasto cosa che costrinse l'amministrazione dell'Interno a fornire provvisoriamente un auto civetta "normale" all' ufficiale. E questa fu la sua condanna a morte.
 (Le foto sono tratte dal sito
www.cadutipolizia.it)   

L'arrivo del boss Lo Piccolo presso la Squadra Mobile di Palermo: testimonianza di un videoamatore ore 14:23 del 5 Novembre 2007 ( per vedere il video al meglio cliccare sul bottoncino play ovvero la freccettina posta sulla parte in basso a sinistra dello schermetto di questo video nonché aumentare l'audio fino al livello desiderato)




permalink | inviato da enzocumpostu il 17/11/2007 alle 19:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
ottobre        dicembre