.
Annunci online

 
enzocumpostu 
Enzo Cumpostu: cose dette e non...
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Croce Rossa Italiana
Esercito Italiano
Arma dei Carabinieri
Polizia di Stato
Guardia di Finanza
Centrale Operativa 118 MILANO
118 Italia.net
On. Gianfranco Paglia (Magg. par. MOVM R.O.)
Forze Armate Israeliane
Associazione Paracadutisti d'Italia
Associazione Radioamatori Italiani
Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta
Enzo Cumpostu: biografia in sintesi
Alleanza Nazionale
Servizi Informazione e Sicurezza della Repubblica Italiana
NATO JFC Napoli
La Questura di Nuoro sul Web
Cap. Carla Selvestrel
  cerca

IO VIVO PER LEI... IO NON SO CHE COSA NE SARA' DELLA MIA VITA E SE MAI TROVERO' QUALCUNA CHE MI AMI E SOPPORTI MA UNA COSA E' CERTA: TU RESTERAI SEMPRE NEL MIO CUORE. FINO ALLA FINE... 4 NOVEMBRE 1918 - 4 NOVEMBRE 2012 Quasi un secolo è passato dal primo grande conflitto armato di coinvolgimento globale o da quella che per noi italiani potrebbe essere stata la quarta guerra d'Indipendenza; centinaia di migliaia di morti in quel di Redipuglia e non solo. Fronti e trincee, ospedali da campo e ospedali militari di presidio delle volte improvvisati alla bell' e meglio in conventi, scuole, chiese. Il ruolo della Croce Rossa Italiana e di quella Internazionale, le storie di uomini e donne: americani obiettori ante-litteram e bellissime crocerossine britanniche che si incontrano e si innamorano: dietro tutta l'assurdità di una guerra non compresa da molti, ufficiali compresi. Dedicato a una Donna Speciale: film "Addio alle Armi" con Rock Hudson, Jennifer Jones, vittorio De Sica e Alberto Sordi. THE MASTER OF THE GUITAR: ABSOLUTELY (VIDEO EMBEDDED FROM THE BBC BRITISH BROADCASTING CORPORATION)

Silendo Libertatem Servo: io servo la libertà in silenzio; questo era il motto dei cosiddetti "Gladiatori" appartenuti per circa quarant'anni alla famosa organizzazione NATO conosciuta come "Stay Behind". Prossimamente un articolo che considererà le due facce della medaglia: la Gladio ufficiale e quella non ufficializzata e smentita da tutti coloro che ne fecero in un certo qual modo parte definita "Gladio delle Centurie"; due versioni su come era organizzata la Stay Behind soprattutto su quelli che furono i ruoli della medesima in Italia e all'estero.



Al di fuori della mischia:
La torre di Babele
( blog di Pino Scaccia )

http://liberaliperisraele.ilcannocchiale.it



DISCLAIMER ATTENZIONE:
l'Autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori lesivi dell'immagine o della onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. I commenti offensivi, su richiesta della parte lesa, potrebbero essere dunque rimossi. Inoltre, chiunque possa vantare diritti d'autore su immagini, testi o filmati contenuti in questo blog, può segnalarmelo, per vedere ripristinato il proprio primato, al seguente indirizzo di posta elettronica: 
enzocu@tiscali.it  



La torre di Babele   



Return to Website

Powered by Technorati

Locations of visitors to this page 







banner Tocqueville
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.
Non puo' per tanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001.






Previsioni Meteo Nuoro


 

Diario | Il Guastafeste | Donne Speciali | Dedicato agli amici | L'altra faccia dell'Amore | Diversamente abili ma...Dinamici!!! | Di tutto un pò | Caro Enzo, ti scrivo... | Lettera aperta a... | 118, Croce Rossa e dintorni... | VideoMiscellanea | Chiacchierata virtuale con... | Politica regionale | Panorama Difesa in Italia e Forze Armate nel mondo | Politica locale | Security & Intelligence | L'OSSERVATORIO ITALIA | EUROPEE 2014 CON FRATELLI D'ITALIA |
 
Diario
1visite.

11 gennaio 2011

Chiacchierata virtuale con: Magg. CRI Roberto Baldessarelli (su Haiti)

 

E' passato un anno dal catastrofico "earthquake" così come lo chiamano gli americani che ha devastato Haiti e la città-bidonville Port-Au-Prince, città già flagellata in passato a causa di malattie, malgovrrno, fame, sete e precarie condizioni igieniche, sanitarie e di vivibilità.
E' passato un anno da allora ma la Croce Rossa Italiana non si è dimenticata di loro, non è fuggita dopo che i riflettori e le telecamere si sono spente e ha proseguito, infaticabilmente, la sua opera seppur con mille difficoltà.
A questo proposito ha snetito su Facebook l'amico Roberto Baldessarelli ( sulla sua peresona vi rimando al curriculum qui sotto la chiacchierata virtuale ) maggiore del Corpo Militare della CRI, ecco il testo della nostra "chiacchierata virtuale":
 
 
 
 
Facebook, lunedì 10 Gennaio 2011 ora italiana 22:36
 
 
 
1) Roberto, Haiti un anno dopo: che cosa è cambiato, nel bene e nel male?

1Risposta:
Posso solo immaginare, vedendo adesso cosa potesse essere Port au Prince un anno fa. La miseria che annusi per strada è assoluta. Ognuno si barcamena in cerca di una qualsiasi economia di sostentamento per cercare di vivere la giornata. Prima ho letto che ad Haiti 80% della popolazione viveva con meno di 2 dollari al giorno, che il tasso di disoccupazione era superiore al 70 %, che il 50 % per cento dei giovani-bambini non avevano accesso al sistema scolastico e che meno del 12 % aveva accesso all’energia elettrica, ora nonostante il fiume di denaro che arriva la situazione è decisamente peggiorata. C’è stato si il terremoto, ci sono stati 230.000 morti, 1, 5 milioni di sfollati, il sistema governo è stato distrutto (27 ministeri su 28 distrutti dalla scossa), ci sono circa 10 milioni di mc di macerie da sgomberare ma forse poteva essere quella scintilla per far sì che il paese potesse incominciare a scuotersi. Niente. Si ha paura di rendere pubblici i risultati delle votazioni, si ha un paese con la presenza di forze ONU che ammontano a circa 17.000 uomini tra militari e forze di polizia, di circa 20 nazioni (Argentina, Bolivia, Brazil, Canada, Chile, Ecuador, France, Guatemala, India, Japan, Jordan, Nepal, Paraguay, Peru, Phillipines, Republic of Korea, Sri Lanka, United States and Uruguay). Missione ch si chiama MINUSTAH ovvero Missions des Nationes Unies pour Stabilisation en Haïti. La stabilizzazione di Haiti, non la crescita.
Quale è il bene e quale è il male? La gente come vedo io non sta assolutamente bene, e dire bene è un eufemismo, ed in una società dove il tuo circolare è regimentato ha bisogno di ancora molto, molto da fare.

2. L'Italia fu sensibilizzata parecchio a proposito della tragedia che colpì Port-Au-Prince ma oggi, dopo dodici mesi dalla catastrofe paragonabile a Hiroshima se non peggio, quanto la CRI ha necessità della solidarietà degli italiani?

2Risposta:
- E’ in situazioni come queste che associazioni come la nostra devono poter riscuotere credibilità. Ma la credibilità non la si crea sulle macerie di un terremoto o sul fango di un’alluvione, la credibilità viene a galla da sola con il lavorare nella quotidianità, lavorare nella maniera più trasparente ed applicando delle regole di una etica che forse qualcuno di noi ha perso. 
Maggiore credibilità quindi uguale a maggiore solidarietà della gente. Qui poi ad Haiti dobbiamo perdere la nostra individualità di SN ed a lavorare in team con gli altri. Per noi, al momento è difficile ma sono sicuro che seguendo la strada della formazione che la CRI ha intrapreso troveremo tante e tante risorse per seguire questa strada che appena è stata battuta.

3. I momenti più belli e felici di Roberto Baldessarelli ad Haiti e i più tristi e sconsolanti.

3Risposta:
- Momenti felici e belli in Haiti? E’ la mia prima esperienza su quest’isola e concretamente non posso dire di aver passato dei bei momenti e momenti da poter ricordare come felici. Se paragono la situazione esterna alla mia, per contraltare posso dire che la vita che si fa al campo base è felice è bella. Ho da dormire, anche se in tenda, mangio tutti i giorni ed anche due volte al giorno, ho il bagno a portata di mano e mi posso lavare e cambiare con abiti puliti, mentre fuori non è così. Non è assolutamente così.
Per i momenti sconsolanti basta uscire e guardare cosa c’è fuori. Persone che hanno perso tutto, anche la dignità umana. Persone che ti chiedono acqua e cibo e ciò e triste e sconsolante. Voltaire dice: Ogni uomo è colpevole di tutto il bene che non ha fatto. E questo ti rattrista ancora di più pensando a quanta gente è passata di qua...

4. Aumenta sempre più da parte dei cittadini italiani la voglia e la curiosità verso la CRI: poche parole a sostegno di coloro che desiderano entrare nella nostra Associazione.

4Risposta: -
I nostri sette principi del Movimento dovrebbero bastare ed avanzare. Sono principi universali che forse cozzano con il vedere comune di taluni o con la totale assenza di principi di vita in altri, ma che se vissuti intimamente danno tanto. 
In Iraq un nostro collaboratore locale un giorno mi ha detto: 
Ti ringrazio per quello che fai, ma ti ringrazio di più e prego Allah per te perchè mi stai insegnando l’Umanità. Non ho potuto rispondere. Ho pianto.
 
 
 
un potabilizzatore della CRI in funzione ad Haiti
 
 
Nella foto: Roberto Baldessarelli, uno dei tantyi che hanno condiviso l'espereinza CRI ad Haiti
 
 
La miseria di Haiti...
 
PROFILO DI ROBERTO BALDESSARELLI:
 
 
Ci vorrebbero pagine e pagine per scrivere qui l'intero curriculum di Roberto Baldessarelli.
Ci limitiamo a dare qui alcuni dei fatti salienti, alcuni altri li raggruppiamo per farvelo conoscere un po' meglio; ma ci limitiamo anche per esplicito volere di Roberto. 


Nato a Merano il 14 luglio 1951, vive presso Verona.
È ufficiale Responsabile dell'ex 3° COE ora Centro interventi Nord Est. 
Specializzato in potabilizzazione acque Waterline. 

Ha partecipato o ha diretto numerosissime emergenze fra cui: Val di Stava, Profughi est europa, Romania, profughi Albania, Bulgaria, profughi Jugoslavia, profughi Bosnia, alluvione Alessandria, terremoto Umbria-Marche, Albania - Kavaje e Tirana - per Missione Arcobaleno, alluvione Calabria, alluvione Piemonte, terremoto Molise 2002, direttore in Iraq al Baghdad del Medical City Hospital (Capo Missione e Funzionario Delegato per 5 missioni), Sri-Lanka (Capo Missione e Funzionario Delegato per quattro mesi), terremoto Abruzzo... 

Ha coordinato decine e decine di manifestazioni ed esercitazioni fra cui: Marcialonga di Fiemme e Fassa, Mondiali di ciclismo, Chievo 87, Mondiali sci nordico, Triathlon 94, quasi tutte le Fiaccolate di Castiglione dello Stiviere, Convention CRI Roma... 

Ha ricevuto numerose medaglie a vario titolo (oro, argento, bronzo), croci di anzianità, encomi, elogi, diplomi di benemerenza, attestati, è Cavaliere della Repubblica... 

È Consigliere qualificato per le Forze Armate nonché istruttore di Diritto Internazionale Umanitario.
È Formatore Nazionale di Protezione civile.
Ha partecipato a numerosi convegni e a numerosi corsi di specializzazione come: Diritto Internazionale Umanitario, Protezione civile, potabilizzazione acque, gestione rifugiati e spostamento popolazioni in caso di calamità...




permalink | inviato da enzocumpostu il 11/1/2011 alle 8:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
dicembre        febbraio