.
Annunci online

 
enzocumpostu 
Enzo Cumpostu: cose dette e non...
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Croce Rossa Italiana
Esercito Italiano
Arma dei Carabinieri
Polizia di Stato
Guardia di Finanza
Centrale Operativa 118 MILANO
118 Italia.net
On. Gianfranco Paglia (Magg. par. MOVM R.O.)
Forze Armate Israeliane
Associazione Paracadutisti d'Italia
Associazione Radioamatori Italiani
Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta
Enzo Cumpostu: biografia in sintesi
Alleanza Nazionale
Servizi Informazione e Sicurezza della Repubblica Italiana
NATO JFC Napoli
La Questura di Nuoro sul Web
Cap. Carla Selvestrel
  cerca

IO VIVO PER LEI... IO NON SO CHE COSA NE SARA' DELLA MIA VITA E SE MAI TROVERO' QUALCUNA CHE MI AMI E SOPPORTI MA UNA COSA E' CERTA: TU RESTERAI SEMPRE NEL MIO CUORE. FINO ALLA FINE... 4 NOVEMBRE 1918 - 4 NOVEMBRE 2012 Quasi un secolo è passato dal primo grande conflitto armato di coinvolgimento globale o da quella che per noi italiani potrebbe essere stata la quarta guerra d'Indipendenza; centinaia di migliaia di morti in quel di Redipuglia e non solo. Fronti e trincee, ospedali da campo e ospedali militari di presidio delle volte improvvisati alla bell' e meglio in conventi, scuole, chiese. Il ruolo della Croce Rossa Italiana e di quella Internazionale, le storie di uomini e donne: americani obiettori ante-litteram e bellissime crocerossine britanniche che si incontrano e si innamorano: dietro tutta l'assurdità di una guerra non compresa da molti, ufficiali compresi. Dedicato a una Donna Speciale: film "Addio alle Armi" con Rock Hudson, Jennifer Jones, vittorio De Sica e Alberto Sordi. THE MASTER OF THE GUITAR: ABSOLUTELY (VIDEO EMBEDDED FROM THE BBC BRITISH BROADCASTING CORPORATION)

Silendo Libertatem Servo: io servo la libertà in silenzio; questo era il motto dei cosiddetti "Gladiatori" appartenuti per circa quarant'anni alla famosa organizzazione NATO conosciuta come "Stay Behind". Prossimamente un articolo che considererà le due facce della medaglia: la Gladio ufficiale e quella non ufficializzata e smentita da tutti coloro che ne fecero in un certo qual modo parte definita "Gladio delle Centurie"; due versioni su come era organizzata la Stay Behind soprattutto su quelli che furono i ruoli della medesima in Italia e all'estero.



Al di fuori della mischia:
La torre di Babele
( blog di Pino Scaccia )

http://liberaliperisraele.ilcannocchiale.it



DISCLAIMER ATTENZIONE:
l'Autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori lesivi dell'immagine o della onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. I commenti offensivi, su richiesta della parte lesa, potrebbero essere dunque rimossi. Inoltre, chiunque possa vantare diritti d'autore su immagini, testi o filmati contenuti in questo blog, può segnalarmelo, per vedere ripristinato il proprio primato, al seguente indirizzo di posta elettronica: 
enzocu@tiscali.it  



La torre di Babele   



Return to Website

Powered by Technorati

Locations of visitors to this page 







banner Tocqueville
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.
Non puo' per tanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001.






Previsioni Meteo Nuoro


 

Diario | Il Guastafeste | Donne Speciali | Dedicato agli amici | L'altra faccia dell'Amore | Diversamente abili ma...Dinamici!!! | Di tutto un pò | Caro Enzo, ti scrivo... | Lettera aperta a... | 118, Croce Rossa e dintorni... | VideoMiscellanea | Chiacchierata virtuale con... | Politica regionale | Panorama Difesa in Italia e Forze Armate nel mondo | Politica locale | Security & Intelligence | L'OSSERVATORIO ITALIA | EUROPEE 2014 CON FRATELLI D'ITALIA |
 
Diario
1visite.

4 aprile 2012

COSTA SMERALDA: DALLA COLONY CAPITAL EX STARWOOD DI TOM BARRACK ALL'EMIRO DEL QATAR PADRONE DI MEZZO MONDO

 

 In Costa Smeralda l'americano-libanese Tom Barrack lascia la mano (e il gioiellino della Gallura) con una situazione debitoria considerevole per dar spazio al fondatore dell'emittente araba che a suo tempo si contrapponeva alla CNN, ovvero Al Jazeera, niente-popo-di-meno-che l'Emiro del Qatar, proprietario tra le altre cose del famoso club calcistico Paris Saint Germaine; lo sceicco Hamad Bin Khalifa Al Thani, personaggio di estrema  rilevanza e influenza nello scacchiere dei paesi arabi (con un ruolo chiave nel passato conflitto  in Iraq) ma più in generale, per via del gas naturale presente in Qatar, del petrolio e delle attività WTO dell'emirato in tutto il pianeta; emiro piuttosto discusso e chiacchierato (pare abbia ricevuto a Doha anche l'ex vice presidente iracheno ricercato nel suo paese) il quale a suo tempo intentò una causa per diffamazione contro "Repubblica" (persa dall'emiro poco tempo fa) che in un articolo di ben undici anni fa parlava dello sceicco e delle mogli che aveva al seguito in vacanza in Italia: cinque - secondo l'articolo di "Repubblica" del 2001 - contro il massimo ammesso dalle leggi del Corano che è di quattro. Il sultano perdendo la causa  deve al quotidiano di Scalfari quel che per lui sono spiccioletti, ovvero "appena" centomila Euro.
Il tanto di un caffè, insomma. Quisquilie arabiche.
Il fondo del sovrano avrebbe di già il 14,3% della Smeralda Holding ma l'emiro punta ad avere il controllo sul 51% del capitale e quindi la maggioranza dell'impero già di Barrack, la Starwood e ultimamente fondo Colony Capital.
E da quel che si percepisce l'addio di Barrack non lascia rimpianti: né in Gallura né nello stato maggiore della creatura di Karim Aga Kahn, imperatore di questo pezzo di Sardegna nord-orientale, un tempo dedicato esclusivamente al pascolo ovicaprino ed oggi perla del Mediterraneo e del mondo intero. Se devo dire la mia, l'architettura, le modificazioni strutturali sopratutto dei grossi insediamenti alberghieri per i Paperon De' Paperoni degli Emirati Arabi e non solo che vi soggiorneranno credo fin dalla prossima estate, attraccando a Porto Cervo con quelli che la mia amica Michelina, medico del teramano e purtroppo irrimediabilmente e irreversibilmente comunista vecchia scuola, chiama ironicamente "ferri da stiro" ( per via della forma degli scafi che a dire il vero alcune volte ricordano questo elettrodomestico) o atterrando con i loro Airbus trasformati in regge volanti all'aeroporto di Olbia costa Smeralda che nel periodo estivo, sopratutto nella seconda e terza settimana di Agosto, ha un traffico aereo di altissimo target da trasformare l'aeroporto gallurese quasi in una Air Force Base NATO come qualità e numero degli addetti alla vigilanza e in generale nel suo complesso logistico-operativo. 
 
Qualora non lo sappiate vi ricordo che l'Emiro del Qatar è anche proprietario dei supermercati Harrod's a Londra e, inoltre:
- partecipazioni su Barclays;
- partecipazioni su Credit Suisse;
- quote del London Stock Exchange e, come sapete, Piazza Affari ( MIB ) ovvero la Borsa Italiana è da esso controllata;
- pacchetti azionari Porsche;
- pacchetti azionari Volkswagen;
- pacchetti azionari Total;
- Hotel Gallia a Milano;
 
c'è da dire, inoltre, che il fondo sovrano dell'emiro detiene anche l'1% della LVMH (Carrefour per intenderci) e, ciliegina sulla torta del fondo sovrano, il 12,8% del Gruppo Lagardére che controlla, tanto per fare un nome, l' EADS - European Aeronautic Defence and Space Company, azienda europea del settore difesa ed aerospaziale ed aeronautico civile nota per essere la casa madre dell'Airbus     
 
 
Si deduce quindi che in linea di massima l'emiro di cui sopra dai nuoresi non potrà di certo essere etichettato e classificato come "mortu 'e gana"    ( morto de' fame in romanesco...)
 
File:Doha Corniche.jpg
 
La città di Doha, capitale dell'emirato del Qatar (Ad Dawhah)
 
 
 
BIOGRAFIA DELL'EMIRO DEL QATAR ( DA WIKIPEDIA.ORG )
 
 




permalink | inviato da enzocumpostu il 4/4/2012 alle 12:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
marzo        maggio