.
Annunci online

 
enzocumpostu 
Enzo Cumpostu: cose dette e non...
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Croce Rossa Italiana
Esercito Italiano
Arma dei Carabinieri
Polizia di Stato
Guardia di Finanza
Centrale Operativa 118 MILANO
118 Italia.net
On. Gianfranco Paglia (Magg. par. MOVM R.O.)
Forze Armate Israeliane
Associazione Paracadutisti d'Italia
Associazione Radioamatori Italiani
Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta
Enzo Cumpostu: biografia in sintesi
Alleanza Nazionale
Servizi Informazione e Sicurezza della Repubblica Italiana
NATO JFC Napoli
La Questura di Nuoro sul Web
Cap. Carla Selvestrel
  cerca

IO VIVO PER LEI... IO NON SO CHE COSA NE SARA' DELLA MIA VITA E SE MAI TROVERO' QUALCUNA CHE MI AMI E SOPPORTI MA UNA COSA E' CERTA: TU RESTERAI SEMPRE NEL MIO CUORE. FINO ALLA FINE... 4 NOVEMBRE 1918 - 4 NOVEMBRE 2012 Quasi un secolo è passato dal primo grande conflitto armato di coinvolgimento globale o da quella che per noi italiani potrebbe essere stata la quarta guerra d'Indipendenza; centinaia di migliaia di morti in quel di Redipuglia e non solo. Fronti e trincee, ospedali da campo e ospedali militari di presidio delle volte improvvisati alla bell' e meglio in conventi, scuole, chiese. Il ruolo della Croce Rossa Italiana e di quella Internazionale, le storie di uomini e donne: americani obiettori ante-litteram e bellissime crocerossine britanniche che si incontrano e si innamorano: dietro tutta l'assurdità di una guerra non compresa da molti, ufficiali compresi. Dedicato a una Donna Speciale: film "Addio alle Armi" con Rock Hudson, Jennifer Jones, vittorio De Sica e Alberto Sordi. THE MASTER OF THE GUITAR: ABSOLUTELY (VIDEO EMBEDDED FROM THE BBC BRITISH BROADCASTING CORPORATION)

Silendo Libertatem Servo: io servo la libertà in silenzio; questo era il motto dei cosiddetti "Gladiatori" appartenuti per circa quarant'anni alla famosa organizzazione NATO conosciuta come "Stay Behind". Prossimamente un articolo che considererà le due facce della medaglia: la Gladio ufficiale e quella non ufficializzata e smentita da tutti coloro che ne fecero in un certo qual modo parte definita "Gladio delle Centurie"; due versioni su come era organizzata la Stay Behind soprattutto su quelli che furono i ruoli della medesima in Italia e all'estero.



Al di fuori della mischia:
La torre di Babele
( blog di Pino Scaccia )

http://liberaliperisraele.ilcannocchiale.it



DISCLAIMER ATTENZIONE:
l'Autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori lesivi dell'immagine o della onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. I commenti offensivi, su richiesta della parte lesa, potrebbero essere dunque rimossi. Inoltre, chiunque possa vantare diritti d'autore su immagini, testi o filmati contenuti in questo blog, può segnalarmelo, per vedere ripristinato il proprio primato, al seguente indirizzo di posta elettronica: 
enzocu@tiscali.it  



La torre di Babele   



Return to Website

Powered by Technorati

Locations of visitors to this page 







banner Tocqueville
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.
Non puo' per tanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001.






Previsioni Meteo Nuoro


 

Diario | Il Guastafeste | Donne Speciali | Dedicato agli amici | L'altra faccia dell'Amore | Diversamente abili ma...Dinamici!!! | Di tutto un pò | Caro Enzo, ti scrivo... | Lettera aperta a... | 118, Croce Rossa e dintorni... | VideoMiscellanea | Chiacchierata virtuale con... | Politica regionale | Panorama Difesa in Italia e Forze Armate nel mondo | Politica locale | Security & Intelligence | L'OSSERVATORIO ITALIA | EUROPEE 2014 CON FRATELLI D'ITALIA |
 
Diario
1visite.

21 novembre 2013

CLEOPATRA E LA DISTRIBUZIONE DELLE (GRAVISSIME) RESPONSABILITA'

 

 
Non eravamo del tutto impreparati: ci aspettavamo delle precipitazioni temporalesche, meglio descriverle come fortunale o nubifragio abbondantemente al di fuori della norma e della casistica regionale ma mai ci saremo aspettati così tanto dolore, tante vite spezzate e interrotte, tra le quali purtroppo anche quelle di bambini.

I Volontari della Croce Rossa Italiana hanno fatto, fanno e faranno, rimboccandosi le maniche, tutto quanto è loro  umanamente possibile, limitatamente alle risorse materiali - soprattutto mezzi - a loro messi a disposizione. E - spiace constatarlo ma è la pura verità - non sono gli stessi che in altre regioni sono stati messi a disposizione in eventi calamitosi simili o assimilabili, in rapporto alla vastità e alla gravità degli accadimenti. Olbia, che vede quotidianamente impiegati i suoi volontari CRI nell'ambito dell'adempimento del servizio di urgenza ed emergenza 118 ha dato il massimo; comprese le altre decine di volontari CRI della componente civile e di quelle militari distribuite a macchia di leopardo nell' isola. 

Provvidenziale (anzi oserei dire VITALE) il ruolo assunto nella gestione delle operazioni di soccorso ed assistenza alle comunità colpite duramente da "Cleoparta" da parte delle nostre Forze Armate: in particolar modo l'Eseercito Italiano con gli uomini e mezzi dei reparti dislocati in Sardegna e inqaudrati nella Brigata "Sassari" e il supporto logistico dato alla popolazione.

Nelle operazioni di soccorso ed in piena emergenza hanno assunto particolare importanza l'impiego degli elicotteri SAR dell'Aeronautica Militare e quelli del 21.mo Gruppo Squadroni AVES "Orsa Maggiore". Determinante anche il ruolo ricoperto operativamente sul campo dagli equipaggi delle aeromobili ad ala rotante dei Nuclei Elicotteri dei Carabinieri stanziati in Sardegna nonché quelli del 7° Reparto Volo della Polizia di Stato e del Servizio Aereo della 15.ma Legione della Guardia di Finanza di Cagliari. Ai quali si aggiunge l'AB-412 "Drago" dei Vigili del Fuoco già da anni impegnato nell'aespletamento del servizio di elisoccorso per conto delle Centrali Operative del 118 isolano; c'è da sperare che  questi accadimenti spronino la Regione Sardegna affinché questo benedetto elisoccorso regionale decolli, garantendo In caso di necessità interventi in tempi rapidissimi in tutta l'isola, comprese le isole minori.
 
Molti gli allevatori salvati e sottratti dai fiumi d'acqua e di fanghiglia che non lasciano scampo proprio grazie all'elicottero: è stato grazie ad essi inoltre che sono stati recuperati, sani e salvi, molti abitanti del paese di Torpè,  piccolo comune pressoché completamente evacuato per ordine del suo primo cittadino il quale, per legge, assume anche l'onere di primo responsabile di Protezione Civile in ambito comunale a causa del pericolo imminente del cedimento da parte della diga di "Maccheronis" : una "Vajont della Sadegna" fortunatamente evitata e il rischio cedimento dei bacini imbriferi non riguarda solo Torpé.

Ovviamente tutti sono coinvolti nelle operazioni di soccorso, di assistenza nonché di ripristino della viabilità e delle condizioni di normale e regolare vita quotidiana per quanto possibile: e oltre alle vittime, in questo momento è impossibile non pensare a quei bimbi che hanno perso la vita, impossibile non pensare all'improvvisa scomparsa di Luca Ttanzi, Assistente Capo presso la Questura di Nuoro, morto mentre insieme ad altri tre colleghi, fortunatamente scampati all'urto e alla possenza delle acque meolmose dopo che la "Pantera" fu risucchiata i n una voragine appena apertasi, scortava, fungendo da apripista, un'ambulanza del 118 diretta da Dorgali verso l'Ospedale San Francesco di Nuoro: ennesima vittima del dovere che speriamo abbia gli stessi benefici di chi cade per manjo criminale e terroristica.

Le reponsabilità? Non è il momento delle polemiche né quello delle inchieste giudiziairie: sì giudiziarie e non dovranno essere inchieste aperte che poi finiscono nei polverosi archivi delle Procure della Repubblica sarde e negli uffici dei Tribunali: perché il bilancio e il peso di vite umane perse mi sembra abbondantemente eccessivo e non parliamo poi dei danni materiali ed economici, sicuramente quantificabili in cifre astronomiche, di gran lunga superiori alla elemosina dell'esecutivo carico di ambiguità e falsità capitanao da Enrico Letta.

Appalti relativi a strade, in particolare quei lotti che comprendevano la messa in opera di viadotti, ponti e ponticelli vari: abitazioni residenziali costruite con leggerezza, in zone del territorio isolano non propriamente definibili a rischio zero riguardo ai dissesti idrogeologici; magari sotto il piano di campagna, magari sotto il letto dei fiumi... O in zone dove la consistenza del terreno avrebbe dovuto essere esaminata fin da anni addietro da esperti di idrogeologia.
 
L'emergenza non è finita: altre precipitazioni sono previste in Sardegna nelle prossime ore e per alcuni giorni ancora tutte le forze in campo saranno i fase di pre-allerta.

Vi linko alcuni video relativi alle attività della Croce Rossa Italiana in Sardegna durante l'emergenza "Cleopatra" (video del 19/11/2013)  (*)
 
(*) I video non possono essere visualizzati dalle postazioni pc dell'Azienda Sanitaria di Nuoro in quanto è presente un software che con numerosissime keywords blocca l'accesso e la visualizzazione sul web
 
Video 1: Enrico Mentana intervista in collegamento diretto dalla Prefettura UTG di Nuoro S.lla Katiuscia Musu, Tenente del Corpo delle Infermiere Volontarie
Del 19/1172013
Croce Rossa Italiana - SPECIALE TG LA7 - Alluvione Sardegna: l ...
 
Video 2: RAIUNO in diretta su UNOMATTINA collegamento telefonico con il Volontario C.R.I. Francesco Gallistru, Presidente del Comitato Regionale Sardegna della Croce Rossa Italiana

 
 





permalink | inviato da enzocumpostu il 21/11/2013 alle 10:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
ottobre        dicembre