.
Annunci online

 
enzocumpostu 
Enzo Cumpostu: cose dette e non...
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Croce Rossa Italiana
Esercito Italiano
Arma dei Carabinieri
Polizia di Stato
Guardia di Finanza
Centrale Operativa 118 MILANO
118 Italia.net
On. Gianfranco Paglia (Magg. par. MOVM R.O.)
Forze Armate Israeliane
Associazione Paracadutisti d'Italia
Associazione Radioamatori Italiani
Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta
Enzo Cumpostu: biografia in sintesi
Alleanza Nazionale
Servizi Informazione e Sicurezza della Repubblica Italiana
NATO JFC Napoli
La Questura di Nuoro sul Web
Cap. Carla Selvestrel
  cerca

IO VIVO PER LEI... IO NON SO CHE COSA NE SARA' DELLA MIA VITA E SE MAI TROVERO' QUALCUNA CHE MI AMI E SOPPORTI MA UNA COSA E' CERTA: TU RESTERAI SEMPRE NEL MIO CUORE. FINO ALLA FINE... 4 NOVEMBRE 1918 - 4 NOVEMBRE 2012 Quasi un secolo è passato dal primo grande conflitto armato di coinvolgimento globale o da quella che per noi italiani potrebbe essere stata la quarta guerra d'Indipendenza; centinaia di migliaia di morti in quel di Redipuglia e non solo. Fronti e trincee, ospedali da campo e ospedali militari di presidio delle volte improvvisati alla bell' e meglio in conventi, scuole, chiese. Il ruolo della Croce Rossa Italiana e di quella Internazionale, le storie di uomini e donne: americani obiettori ante-litteram e bellissime crocerossine britanniche che si incontrano e si innamorano: dietro tutta l'assurdità di una guerra non compresa da molti, ufficiali compresi. Dedicato a una Donna Speciale: film "Addio alle Armi" con Rock Hudson, Jennifer Jones, vittorio De Sica e Alberto Sordi. THE MASTER OF THE GUITAR: ABSOLUTELY (VIDEO EMBEDDED FROM THE BBC BRITISH BROADCASTING CORPORATION)

Silendo Libertatem Servo: io servo la libertà in silenzio; questo era il motto dei cosiddetti "Gladiatori" appartenuti per circa quarant'anni alla famosa organizzazione NATO conosciuta come "Stay Behind". Prossimamente un articolo che considererà le due facce della medaglia: la Gladio ufficiale e quella non ufficializzata e smentita da tutti coloro che ne fecero in un certo qual modo parte definita "Gladio delle Centurie"; due versioni su come era organizzata la Stay Behind soprattutto su quelli che furono i ruoli della medesima in Italia e all'estero.



Al di fuori della mischia:
La torre di Babele
( blog di Pino Scaccia )

http://liberaliperisraele.ilcannocchiale.it



DISCLAIMER ATTENZIONE:
l'Autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori lesivi dell'immagine o della onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. I commenti offensivi, su richiesta della parte lesa, potrebbero essere dunque rimossi. Inoltre, chiunque possa vantare diritti d'autore su immagini, testi o filmati contenuti in questo blog, può segnalarmelo, per vedere ripristinato il proprio primato, al seguente indirizzo di posta elettronica: 
enzocu@tiscali.it  



La torre di Babele   



Return to Website

Powered by Technorati

Locations of visitors to this page 







banner Tocqueville
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.
Non puo' per tanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001.






Previsioni Meteo Nuoro


 

Diario | Il Guastafeste | Donne Speciali | Dedicato agli amici | L'altra faccia dell'Amore | Diversamente abili ma...Dinamici!!! | Di tutto un pò | Caro Enzo, ti scrivo... | Lettera aperta a... | 118, Croce Rossa e dintorni... | VideoMiscellanea | Chiacchierata virtuale con... | Politica regionale | Panorama Difesa in Italia e Forze Armate nel mondo | Politica locale | Security & Intelligence | L'OSSERVATORIO ITALIA | EUROPEE 2014 CON FRATELLI D'ITALIA |
 
Diario
1visite.

12 aprile 2016

I BASSIFONDI DI AMBULANZOPOLI ELETTORALE

Credo che con tutta la buona fede di questo mondo, il legislatore che stese su carta la normativa che prevedeva l'istituzione del servizio di urgenza ed emergenza sanitaria con la attivazione di centrali operative territoriali, solitamente in ambito provinciale (oggi con prevalenza interprovinciale in diverse regioni Sardegna inclusa) creando il numero a tre cifre 118 non avrebbe neanche lontanamente immaginato che a distanza di oltre vant'anni dall'attivazione si sarebbe arrivati al punto che un servizio così delicato come questo, punto cardine della stessa carta costituzionale di cul all'articolo 32 sulla tutela della salute quale diritto imprescindibile dell'essere umano, si fosse arrivati al fondo o meglio allo sprofondare paragonando gli appalti e le richieste di esternalizzazione, per quanto riguarda soprattutto le ambulanze di soccorso di base, quasi quasi come se si trattasse di una banale fornitura, facendo sì che CANI E PORCI, in alcune regioni, potessero avere accreditamento con i vari Servizi sanitari Regionali attraverso la sottoscrizione delle convenzioni di cui alla normativa nazionale originaria, quelle regionali a statuto ordinario e speciale e delle province autonome quasi quasi senza prendere in considerazione la rigidità riguardo la selezione e la formazione degli operatori, gli standard rigidi che persone e mezzi di soccorso e relative attrezzature dovrebbero avere quali immancabili requisiti.

La puntata di "Le Iene" andata in onda domenica 10 aprile e che al suo interno presentava un servizio-inchiesta sul lavoro nero in ambito 118; ovvero quel fenomeno delinquenziale che vede l'accreditamento di privati o ONLUS le quali non prevedono prestazioni di volontario del soccorso qualificato a titolo gratuito da una parte o come dipendente o prestatore d'opera regolarmentre assunto o documentato anche per ragioni di carattere fiscale e civilistico oltre che previdenziale ma totalmente "noir";

rimborsi spese, delle volte forfait, delle altre calcolati in base alle ore di servizio prestate durante i turni oppure nell'arco di 24 o addiritura 36 ore no-stop al limite della sopportazione sia fisica che psichica ovvero ai limiti del crollo.

Alcuni anni fa, durante una mia breve parntesi romana di 48 ore, diversi dipendenti ed ex dipendenti della CRI mi parlarono degli strani personaggi che aleggiavano dietro all'enorme business delle ambulanze romane, sia in merito ai trasporti ma sopratutto la ricerca di accreditamento con il SSN tramite ol'ARES ovvero la Regione Lazio, visto che le convenzioni erano e sono particolarmente succulente e fanno gola a molti, mentre altri chissà perché - stranamente - hanno mollato e non rinnovato cedendo il  passo per scelte politiche a questo "soccorso di qualità".

Ma quale qualità? Quella dettata dal numero di voti di cui molti candidati del centrosinistra, a cominciare da chi sta in apice al parlamento regionale laziale, scendendo a patti vergognosi con soggetti certamente non all'altezza.

Ma questo perché accade? Accade perché l'esternalizzazione del soccorso, se fatta, va totalmente rivista creando due tipologie di soggetti operanti:

a) da una parte va creato un Corpo Nazionale di Soccorso Qualificato di Urgenza ed Emergenza Sanitaria che raggruppi le ONLUS, l'ANPAS, le Misericordie, poi separatamente la Croce Rossa Italiana e il Corpo Italiano Sovrano Ordine di Malta CISOM.

b) in ambito 118 si dovrà avere per forza di cose - volente o nolente - formazione ed addestramento con coordinamento centralizzato a livello locale o regionale; con tanto di gerarchizzazione e regolamentazione disciplinare per gli appartenenti a tutti quei soggetti che sottoscrivono le convenzioni di urgenza ed emergenza sanitaria, le quali dovrebberoo essere obbligatoriamente trasformate in h24 e con un minimo garantito di 2 o 3 giornate la settimana quale limite richiesto per poter avere le condizioni di far parte del servizio.

La Repubblica Italiana, nonostante il momento contingente che si attraversa, tenuto conto delle singole esigenze economiche degli operatori volontari e "volontari" deve promuovere, incoraggiare e sostenere le attività di volontariato di cui sopra che hanno una molteplicità di valenze e benefici per gli operatori - sopratutto giovani e giovanissimi - e utili per migliorare la loro personalità e la loro crescite individuale quale percorso formativo, eterogeneo a seconda della storia cronologico-familiare e personale nonché psicosociale che c'è in ogni volontario, uno per uno e una per una; ma questo si sposa a mio avviso anche per gli operatori professionisti appartenenti ai ruoli sanitari del comparto o della dirigenza medica del SSN.




permalink | inviato da enzocumpostu il 12/4/2016 alle 16:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
gennaio        dicembre