.
Annunci online

 
enzocumpostu 
Enzo Cumpostu: cose dette e non...
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Croce Rossa Italiana
Esercito Italiano
Arma dei Carabinieri
Polizia di Stato
Guardia di Finanza
Centrale Operativa 118 MILANO
118 Italia.net
On. Gianfranco Paglia (Magg. par. MOVM R.O.)
Forze Armate Israeliane
Associazione Paracadutisti d'Italia
Associazione Radioamatori Italiani
Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta
Enzo Cumpostu: biografia in sintesi
Alleanza Nazionale
Servizi Informazione e Sicurezza della Repubblica Italiana
NATO JFC Napoli
La Questura di Nuoro sul Web
Cap. Carla Selvestrel
  cerca

IO VIVO PER LEI... IO NON SO CHE COSA NE SARA' DELLA MIA VITA E SE MAI TROVERO' QUALCUNA CHE MI AMI E SOPPORTI MA UNA COSA E' CERTA: TU RESTERAI SEMPRE NEL MIO CUORE. FINO ALLA FINE... 4 NOVEMBRE 1918 - 4 NOVEMBRE 2012 Quasi un secolo è passato dal primo grande conflitto armato di coinvolgimento globale o da quella che per noi italiani potrebbe essere stata la quarta guerra d'Indipendenza; centinaia di migliaia di morti in quel di Redipuglia e non solo. Fronti e trincee, ospedali da campo e ospedali militari di presidio delle volte improvvisati alla bell' e meglio in conventi, scuole, chiese. Il ruolo della Croce Rossa Italiana e di quella Internazionale, le storie di uomini e donne: americani obiettori ante-litteram e bellissime crocerossine britanniche che si incontrano e si innamorano: dietro tutta l'assurdità di una guerra non compresa da molti, ufficiali compresi. Dedicato a una Donna Speciale: film "Addio alle Armi" con Rock Hudson, Jennifer Jones, vittorio De Sica e Alberto Sordi. THE MASTER OF THE GUITAR: ABSOLUTELY (VIDEO EMBEDDED FROM THE BBC BRITISH BROADCASTING CORPORATION)

Silendo Libertatem Servo: io servo la libertà in silenzio; questo era il motto dei cosiddetti "Gladiatori" appartenuti per circa quarant'anni alla famosa organizzazione NATO conosciuta come "Stay Behind". Prossimamente un articolo che considererà le due facce della medaglia: la Gladio ufficiale e quella non ufficializzata e smentita da tutti coloro che ne fecero in un certo qual modo parte definita "Gladio delle Centurie"; due versioni su come era organizzata la Stay Behind soprattutto su quelli che furono i ruoli della medesima in Italia e all'estero.



Al di fuori della mischia:
La torre di Babele
( blog di Pino Scaccia )

http://liberaliperisraele.ilcannocchiale.it



DISCLAIMER ATTENZIONE:
l'Autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori lesivi dell'immagine o della onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. I commenti offensivi, su richiesta della parte lesa, potrebbero essere dunque rimossi. Inoltre, chiunque possa vantare diritti d'autore su immagini, testi o filmati contenuti in questo blog, può segnalarmelo, per vedere ripristinato il proprio primato, al seguente indirizzo di posta elettronica: 
enzocu@tiscali.it  



La torre di Babele   



Return to Website

Powered by Technorati

Locations of visitors to this page 







banner Tocqueville
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.
Non puo' per tanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001.






Previsioni Meteo Nuoro


 

Diario | Il Guastafeste | Donne Speciali | Dedicato agli amici | L'altra faccia dell'Amore | Diversamente abili ma...Dinamici!!! | Di tutto un pò | Caro Enzo, ti scrivo... | Lettera aperta a... | 118, Croce Rossa e dintorni... | VideoMiscellanea | Chiacchierata virtuale con... | Politica regionale | Panorama Difesa in Italia e Forze Armate nel mondo | Politica locale | Security & Intelligence | L'OSSERVATORIO ITALIA | EUROPEE 2014 CON FRATELLI D'ITALIA |
 
Diario
1visite.

22 dicembre 2016

CERVELLI IN FUGA E TRITOLO

 

Partenze alla stazione di Wolfsburg. Fonte: Centro Altreitalie 

Gli italiani propendono al fenomeno migratorio da quasi due secoli: da quando cioè il famoso armatore Rubattino, dopo aver trafficato armi con l’America destinate a garibaldini e sardo-piemontesi ma anche papalini ha fiutato l’affare rappresentato dalla necessità e richiesta negli USA di persone affidabili in determinate mansioni non solamente di natura prettamente manuale per il necessario sviluppo della grande America.

 

Meridionali ma non soltanto (vedi i friulani partiti per le Americhe tra USA Canada e Argentina) dalla fine dell’800 e allo scoppio della Grande Guerra, poi dopo la seconda guerra mondiale con le migliaia di valige di cartone nelle stazioni ferroviarie europee tra Francia, le miniere del Belgio, le fabbriche non solo automobilistiche tedesche e le decine, centinaia di migliaia per volta solcavano l’Atlantico con vere carrette del mare, quei piroscafi a vapore delle volte mai arrivati a destinazione di fine ottocentoe inizi Novecento fino alle navi degli anni cinquanta e, in ultimo, i voli. Dimenticavo l'emisfero australe, il Brasile, il centro America e anche il continente africano, i vari paesi asiatici dove la presenza italiana si è radicata ed affermata.

Loro, insieme a tedeschi, olandesi, francesi, irlandesi molto presenti e a noi ostili e rivali in particolar modo a New York (vedi le lotte successive tra Cosa Nostra e i gangsters irish) contribuirono in maniera determinante alla crescita del più grande stato democratico del pianeta, seppur esportando – ahimé – negatività come la mafia.

 

 

La ciclicità tra benessere relativo e crisi economica italiana ha visto periodi di emorragici esodi con altri di crescita e rientro dai paesi extraeuropei ed europei nei quali avevano impiantato radici, spesso generazionali.

 

Le motivazioni tra ieri ed oggi estremamente differenti: si partiva perché spinti dalla fame e dal grande sogno americano, sogno che molte volte non restava una speranza o una illusione disattesa ma vedeva la sua concretizzazione in una terra come le Americhe laddove mancava la novità, l’iniziativa, la capacità soggettiva dell’intraprendere e la serietà parallelamente alla professionalità.

 

E se si partiva non si tornava mai più se non per gravi lutti e molto pochi potevano permetterselo.

E, quando si tornava, potevano trascorrere anche dieci, vent’anni e più.

 

C’è chi addirittura ha paragonato il fenomeno dell’emigrazione a un problema di salute mentale: la spasmodica ricerca altrove di una realtà lavorativa, di quella serenità che manca nella propria patria; potrebbe essere una giusta analisi, la fuga per un lavoro potrebbe essere soltanto un pretesto ma – ahimé – credo che questo sia così per pochi.

 

Mi metto nei panni di molti giovani studenti universitari disillusi da un sistema che sa esclusivamente partorire posizioni lavorative e carriere utilizzando il più becero dei sistemi rappresentato dal clientelismo politico o dalle dinastie dei clan politico-familiari del luogo di nascita.

 

Nell’autobus che martedì 13 dicembre mi accompagnava in aeroporto a Cagliari ho conosciuto un anziano carabiniere in congedo e la sua signora che da Nuoro si recavano nel Regno Unito per trascorrere le vacanze di Natale e Capodanno dalla figlia, laureata in lingue ed esperta in traduzioni la quale durante il corso degli studi girò mezzo mondo; tornata a Nuoro iniziò la disperazione, la ricerca e i contentini di lavoro a 5-600 euro al mese.

 

Non si perse d’animo e adesso senza raccomandazione alcuna ma grazie al criterio meritocratico la Gran Bretagna l’ha chiamata a lavorare in una delle sue più prestigiose High School a circa 40.000 sterline l’anno in Italia assolutamente utopistico senza referenti politici, di sindacati confederati o importanti parentadi. O amanti potenti.

 

Voglio, esigo, pretendo le scuse del sedicente Ministro Poletti riguardo alle sue esternazioni sulla fuga dei cervelli all’estero.

Vogliamo, esigiamo, pretendiamo che lo stesso Ministro, per le sue gravissime affermazioni, si faccia personalmente carico con sue personali risorse finanziarie delle spese per le esequie di Fabrizia Di Lorenzo e per il trasporto della salma della giovane e bella donna grande cervello d’Italia.   

 




permalink | inviato da enzocumpostu il 22/12/2016 alle 13:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
aprile        gennaio