.
Annunci online

 
enzocumpostu 
Enzo Cumpostu: cose dette e non...
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Croce Rossa Italiana
Esercito Italiano
Arma dei Carabinieri
Polizia di Stato
Guardia di Finanza
Centrale Operativa 118 MILANO
118 Italia.net
On. Gianfranco Paglia (Magg. par. MOVM R.O.)
Forze Armate Israeliane
Associazione Paracadutisti d'Italia
Associazione Radioamatori Italiani
Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta
Enzo Cumpostu: biografia in sintesi
Alleanza Nazionale
Servizi Informazione e Sicurezza della Repubblica Italiana
NATO JFC Napoli
La Questura di Nuoro sul Web
Cap. Carla Selvestrel
  cerca

IO VIVO PER LEI... IO NON SO CHE COSA NE SARA' DELLA MIA VITA E SE MAI TROVERO' QUALCUNA CHE MI AMI E SOPPORTI MA UNA COSA E' CERTA: TU RESTERAI SEMPRE NEL MIO CUORE. FINO ALLA FINE... 4 NOVEMBRE 1918 - 4 NOVEMBRE 2012 Quasi un secolo è passato dal primo grande conflitto armato di coinvolgimento globale o da quella che per noi italiani potrebbe essere stata la quarta guerra d'Indipendenza; centinaia di migliaia di morti in quel di Redipuglia e non solo. Fronti e trincee, ospedali da campo e ospedali militari di presidio delle volte improvvisati alla bell' e meglio in conventi, scuole, chiese. Il ruolo della Croce Rossa Italiana e di quella Internazionale, le storie di uomini e donne: americani obiettori ante-litteram e bellissime crocerossine britanniche che si incontrano e si innamorano: dietro tutta l'assurdità di una guerra non compresa da molti, ufficiali compresi. Dedicato a una Donna Speciale: film "Addio alle Armi" con Rock Hudson, Jennifer Jones, vittorio De Sica e Alberto Sordi. THE MASTER OF THE GUITAR: ABSOLUTELY (VIDEO EMBEDDED FROM THE BBC BRITISH BROADCASTING CORPORATION)

Silendo Libertatem Servo: io servo la libertà in silenzio; questo era il motto dei cosiddetti "Gladiatori" appartenuti per circa quarant'anni alla famosa organizzazione NATO conosciuta come "Stay Behind". Prossimamente un articolo che considererà le due facce della medaglia: la Gladio ufficiale e quella non ufficializzata e smentita da tutti coloro che ne fecero in un certo qual modo parte definita "Gladio delle Centurie"; due versioni su come era organizzata la Stay Behind soprattutto su quelli che furono i ruoli della medesima in Italia e all'estero.



Al di fuori della mischia:
La torre di Babele
( blog di Pino Scaccia )

http://liberaliperisraele.ilcannocchiale.it



DISCLAIMER ATTENZIONE:
l'Autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori lesivi dell'immagine o della onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. I commenti offensivi, su richiesta della parte lesa, potrebbero essere dunque rimossi. Inoltre, chiunque possa vantare diritti d'autore su immagini, testi o filmati contenuti in questo blog, può segnalarmelo, per vedere ripristinato il proprio primato, al seguente indirizzo di posta elettronica: 
enzocu@tiscali.it  



La torre di Babele   



Return to Website

Powered by Technorati

Locations of visitors to this page 







banner Tocqueville
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.
Non puo' per tanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001.






Previsioni Meteo Nuoro


 

Diario | Il Guastafeste | Donne Speciali | Dedicato agli amici | L'altra faccia dell'Amore | Diversamente abili ma...Dinamici!!! | Di tutto un pò | Caro Enzo, ti scrivo... | Lettera aperta a... | 118, Croce Rossa e dintorni... | VideoMiscellanea | Chiacchierata virtuale con... | Politica regionale | Panorama Difesa in Italia e Forze Armate nel mondo | Politica locale | Security & Intelligence | L'OSSERVATORIO ITALIA | EUROPEE 2014 CON FRATELLI D'ITALIA |
 
Diario
1256158visite.

30 marzo 2017

LE SCATOLE CINESI INVESTIGATIVE: ORGOSOLO, LA DROGA, LA SARDEGNA, LA MALAVITA DEL NORD E LA 'NDRANGHETA E IL COINVOLGIMENTO NELLE INDAGINI DEI CARABINIERI DI MILITARI E PERSONALE CIVILE DELL'ESERCITO A PADOVA

Laddove si parla di armi, in un contesto militare, sia riguardo la loro custodia, minuto mantenimento, manutenzione ordinaria e straordinaria, riparazioni nei diversi gradi (dal primo fino al quarto) uno dei problemi che ci si deve porre è quello della sicurezza dei locali luogo di immagazzinamento e sale ove avvengono le varie fasi delle riparazioni  ma sopratutto della affidabilità delle persone che rivestono determinati incarichi di responsabilità tecnica e amministrativa nello stesso tempo.

 

Poi si pone il problema delle competenze circa la rottamazione delle armi spontaneamente versate alle autorità di P.S. dai cittadini (esempio le vedove o gli eredi) le armi confiscate e sequestrate ergo costituenti corpi di reato e depositate presso uffici giudiziari italiani. E la distruzione delle ex-ordinanze.

Facciamo un veloce riepilogo cronologico delle durata di circa quarant’anni: fino al 1981 per la riparazione di guasti e difetti importanti delle armi leggere (oltre a una parte delle artiglierie) di reparti ed Enti militari dell’Esercito,compresa l’Arma dei Carabinieri, tutto passava attraverso le Direzioni e Sezioni di Artiglieria presenti nel territorio nazionale: un numero che oscillava tra le12-14 infrastrutture militari e distribuite tra nord-ovest, nord-est, centro,sud e isole.   

 

Diciamo subito che la figura apicale e che fungeva da “dominus”di questo particolare e delicatissimo tipo di attività era quella del sottufficiale Capo Armaiolo: solitamente da Maresciallo Maggiore in su, mai un ufficiale e al quale, in realtà grosse come nella penisola, afferivano anche altri sottufficiali, quasi sempre (ma non solo) con la qualifica di specializzazione di Armaiolo dell’Esercito, coadiuvati anche da operai (generici e specializzati) che a suo tempo avevano anch’essi frequentato il corso di armaiolo presso la Fabbrica d’Armi di Terni.

 

A partire dal 1 Gennaio 1982 lo Stato Maggiore dell’Esercito,con il “Piano 80”, impose la scissione delle competenze creando nuove sigle e nuove realtà tecnico-logistiche e amministrative: le Sezioni e Direzioni di Artiglieria e del Genio cambiarono denominazione e compiti, così come le Officine Riparazioni Meccaniche dell’Esercito ORME; le Sezioni e Direzioni di Artiglieria divennero Reparti Rifornimenti (REPARIFO) intesi questi ultimi relativamente ad un concetto intararma; la parte tecnica relativa alla riparazione non solo delle armi leggere e pesanti ma di TUTTA la tipologia di mezzi e attrezzature dell’Esercito (e non soltanto automezzi e mezzi corazzati) passò alle nuove O.R.E. ex ORME, acronimo che stava per Officina Riparazioni Esercito: infatti dal 1 gennaio del 1982 il mio genitore, uno dei tanti Capo Armaiolo, passò alle dipendenze di Cagliari, pur restando in servizio a Nuoro come Sezione Staccata Riparazione Armi.

 

Successivamente si passò dai REPARIFO ai CERIMANT, attualmente operativi ed attivi, ovvero Centro di Rifornimento e Mantenimento, anche questi in numero tale da coprire il territorio italiano nei suoi Comandi di Regione Militare prima e di FOD poi.

 

In contesti geografici più piccoli i CERIMANT vennero declassati a SERIMANT, Sezione Rifornimenti e Mantenimento vedasi Cagliari.

 

Affrontiamo ora il problema dei compiti affidati dal Ministero dell’Interno alla Difesa relativamente alla presa in carico e successiva distruzione delle armi non più utili quali corpo di reato ergo da distruggere e armi sequestrate a privati cittadini o in operazioni di polizia giudiziaria: il legislatore individuò nell’Esercito l’unico soggetto che poteva provvedere alla distruzione e successiva alienazione dei rottami e – prima ancora – alla custodia in locali sottoposti a vigilanza armata di alto livello.

 

Si potrebbe proporre che invece se ne occupino direttamente le Questure? Impensabile.

Lasciamo le cose come stanno e torniamo indietro nel tempo quando ricordo nella caserma di Viale Sardegna a Nuoro all’ingresso ed all’uscita degli operai era sempre presente e vigile un Appuntato dei Carabinieri con funzioni di Polizia Militare. E faceva saltuariamente anche delle perquisizioni sugli effetti personali.

 

Consegnatari e Capi Officina devono avere i massimi livelli di Nulla Osta di Sicurezza, essere persone affidabilissime e non malleabili da criminali comuni e organizzazioni criminali locali o nazionali. 

 

Quando ho letto a mio padre gli articoli relativi alle indagini partite anche grazie ai Carabinieri di Nuoro, fece una faccia tra il sorpreso e lo schifato: cose che ai suoi tempi erano assolutamente impensabili.

Sì, i Nuclei di Polizia Militare per monitorare internamente sono necessari.










permalink | inviato da enzocumpostu il 30/3/2017 alle 12:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
gennaio