.
Annunci online

 
enzocumpostu 
Enzo Cumpostu: cose dette e non...
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Croce Rossa Italiana
Esercito Italiano
Arma dei Carabinieri
Polizia di Stato
Guardia di Finanza
Centrale Operativa 118 MILANO
118 Italia.net
On. Gianfranco Paglia (Magg. par. MOVM R.O.)
Forze Armate Israeliane
Associazione Paracadutisti d'Italia
Associazione Radioamatori Italiani
Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta
Enzo Cumpostu: biografia in sintesi
Alleanza Nazionale
Servizi Informazione e Sicurezza della Repubblica Italiana
NATO JFC Napoli
La Questura di Nuoro sul Web
Cap. Carla Selvestrel
  cerca

IO VIVO PER LEI... IO NON SO CHE COSA NE SARA' DELLA MIA VITA E SE MAI TROVERO' QUALCUNA CHE MI AMI E SOPPORTI MA UNA COSA E' CERTA: TU RESTERAI SEMPRE NEL MIO CUORE. FINO ALLA FINE... 4 NOVEMBRE 1918 - 4 NOVEMBRE 2012 Quasi un secolo è passato dal primo grande conflitto armato di coinvolgimento globale o da quella che per noi italiani potrebbe essere stata la quarta guerra d'Indipendenza; centinaia di migliaia di morti in quel di Redipuglia e non solo. Fronti e trincee, ospedali da campo e ospedali militari di presidio delle volte improvvisati alla bell' e meglio in conventi, scuole, chiese. Il ruolo della Croce Rossa Italiana e di quella Internazionale, le storie di uomini e donne: americani obiettori ante-litteram e bellissime crocerossine britanniche che si incontrano e si innamorano: dietro tutta l'assurdità di una guerra non compresa da molti, ufficiali compresi. Dedicato a una Donna Speciale: film "Addio alle Armi" con Rock Hudson, Jennifer Jones, vittorio De Sica e Alberto Sordi. THE MASTER OF THE GUITAR: ABSOLUTELY (VIDEO EMBEDDED FROM THE BBC BRITISH BROADCASTING CORPORATION)

Silendo Libertatem Servo: io servo la libertà in silenzio; questo era il motto dei cosiddetti "Gladiatori" appartenuti per circa quarant'anni alla famosa organizzazione NATO conosciuta come "Stay Behind". Prossimamente un articolo che considererà le due facce della medaglia: la Gladio ufficiale e quella non ufficializzata e smentita da tutti coloro che ne fecero in un certo qual modo parte definita "Gladio delle Centurie"; due versioni su come era organizzata la Stay Behind soprattutto su quelli che furono i ruoli della medesima in Italia e all'estero.



Al di fuori della mischia:
La torre di Babele
( blog di Pino Scaccia )

http://liberaliperisraele.ilcannocchiale.it



DISCLAIMER ATTENZIONE:
l'Autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori lesivi dell'immagine o della onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. I commenti offensivi, su richiesta della parte lesa, potrebbero essere dunque rimossi. Inoltre, chiunque possa vantare diritti d'autore su immagini, testi o filmati contenuti in questo blog, può segnalarmelo, per vedere ripristinato il proprio primato, al seguente indirizzo di posta elettronica: 
enzocu@tiscali.it  



La torre di Babele   



Return to Website

Powered by Technorati

Locations of visitors to this page 







banner Tocqueville
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.
Non puo' per tanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001.






Previsioni Meteo Nuoro


 

Diario | Il Guastafeste | Donne Speciali | Dedicato agli amici | L'altra faccia dell'Amore | Diversamente abili ma...Dinamici!!! | Di tutto un pò | Caro Enzo, ti scrivo... | Lettera aperta a... | 118, Croce Rossa e dintorni... | VideoMiscellanea | Chiacchierata virtuale con... | Politica regionale | Panorama Difesa in Italia e Forze Armate nel mondo | Politica locale | Security & Intelligence | L'OSSERVATORIO ITALIA | EUROPEE 2014 CON FRATELLI D'ITALIA |
 
Diario
1visite.

20 ottobre 2015

LO STATO BISCAZZIERE DI MATTEO RENZI: UNA VERGOGNA CHE NON CONOSCE FINE

LETTERA APERTA AL CAPO DELLO STATO ON. PROF. SERGIO MATTARELLA

 
SIGNOR PRESIDENTE,
 
RITENGO CHE NON SI DOVESSE ARRIVARE ALLE CONCLUSIONI DEL SEPPUR AMMIREVOLE SOCIOLOGO MAURIZIO FIASCO, AL QUALE ELLA HA CONFERITO DIECI GIORNI FA UNA DELLE ONORIFICENZE PIU' ALTE DELLA REPUBBLICA,, NOMINANDOLO UFFICIALE DELL'ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA, PER CAPIRE QUALI SIANO GLI EFETTI A DIR POCO TRAGICI E DRAMMATICI DELLA LUDOPATIA SULL'INDIVIDUO E DI RIFLESSO SULLA SOCIETA' CONTEMPORANEA.
 
LEI, SIGNOR PRESIDENTE, IN VIRTU' DELLA CARICA CHE RICOPRE E CHE SPERO SIA DAVVERO L'ULTIMA VOLTA PER ELEZIONE INDIRETTA DEL POPOLO ITALIANO, AVEVA IL DOVERE DI FERMARE QUESTA DETERMINATEZZA CRIMINALE CHE ALBERGA COSTANTEMENTE NELL'ATTUALE ESECUTIVO.
LEI E' PERFETTAMENTE CONSAPEVOLE COSA RAPPRESENTERA' PER L'ITALIA UNA MOLTIPLICAZIONE BEN OLTRE OGNI RAGIONEVOLE ASPETTATIVA DELLA POSSIBILITA' E DEL PLAGIO OPERATO TRAMITE I CANALI DI COMUNICAZIONE UFFICIALE NONCHE' DAI PRINCIPALI MEDIA AFFINCHE' SI INNESCHI NEL POPOLO ITALIANO LA VOGLIA, IL DESIDERIO, FINO A DIVENTARE ORDINARIETA' PRESSOCHE' QUOTIDIANA, DEL CANCRO ROVINA FAMIGLIA E CAPACE DI DILAPIDARE PATRIMONI, SMEMBRARE UNIONI MATRIMONIALI E NON, ROVINARE LA TANTO FRAGILE ESISTENZA E FORMAZIONE DEI GIOVANISSIMI E DEI GIOVANI IN UN MOMENTO DELICATISSIMO DELLA LORO ESISTENZA.
 
UNO STATO CHE ACCONSENTE E ANZI DE FACTO E' SOSTENITORE DI QUESTO MODUS OPERANDI LE DICO DA SUBITO NON E' LO STATO CHE MI RAPPRESENTA, NON E' LO STATO SOVRANO CHE AVREBBE DESIDERATO ENZO CUMPOSTU E CON LUI MILIONI DI ITALIANI.
MALE FA COLUI CHE CREDE O SI ILLUDE DEL FATTO CHE QUESTA LEGALIZZAZIONE E CAPILLARE DIFFUSIONE PORTERA' MAGGIORI ENTRATE PER LE CASSE DELLO STATO SENZA CONSIDERARE CHE QUANTO ENTRA POI, NEL TEMPO, SI RENDERA' NECESSARIO REINVESTIRLO PER EFFETTUARE PROGETTI DI RECUPERO E RIABILITAZIONE SOCIALE.
 
CHI AVALLA QUESTO MODUS OPERANDI, IL QUALE QUASI SICURAMENTE POTENZIALMENTE POTRA' PORTARE LE PERSONE FRAGILI DI PORRE FINE ALLA PROPRIA VITA E' UN CRIMINALE.
 
SIAMO PASSATI DALLA FANTASIA DI SCRITTORI DI ROMANZI E GIALLI AMBIENTATI IN TERRE AMMORBATE DALLA MAFIA, DAGLI SCENEGGIATI TELEVISI DEL PASSATO AD UNA REALTA' CHE SUPERA ABBONDAMENTE E TREMENDAMENTE IL FANTASTICO. 
 
SONO DALLA PARTE DI COLORO I QUALI DISINCENTIVERANNO IL PROLIFERARE DI QUESTI LETAMAI AVALLATI DA UN SISTEMA DEL QUALE LEI RISULTA ESSERE VERTICE APICALE SECONDO LA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA, SONO DALLA PARTE DI COLORO CHE COMBATTONO LA PRODUZIONE, IL TRAFFICO E LO SPACCIO DI OGNI DROGA, SONO DALLA PARTE DI CHI DISINCENTIVA LE ATTIVITA' DEI MONOPOLI DI STATO QUALI LA VENDITA DELLE SIGARETTE DE L TABACCO, CERTAMENTE UNA DELLE CAUSE DI CANCEROGENESI ORAMAI ACCERTATA, SONO DALLA PARTE DI QUELLE AUTORITA' DI POLIZIA CHE RITIRANO PATENTI A CHI SI DROGA ALLA GUIDA, A CHI RISULTA AVER I LIVELLI ALCOLEMICI SUPERIORI AL CONSENTITO AL VOLANTE, SONO DALLA PARTE DI CHI VORREBBE SANZIONARE DURISSIMAMENTE IL FUMO IN MOLTISSIMI LUOGHI PUBBLICI E SPAZI APERTI AL PUBBLICO E TANTO ALTRO.
 
E SAREI CURIOSISSIMO DI SAPERE CHI, COME, DOVE, QUANDO DIVERRA' TITOLARE DI QUESTE BISCHE CON IL NULLA OSTA DI STATO: PERCHE' - SA COM'E' - HO LA SENSAZIONE CHE GIRA E RIGIRA LE ORGANIZZAZIONI CRIMINALI A DIFFUSIONE NAZIONALE E TRANSNAZIONALE RIUSCIRANNO A INCUNEARSI E PERMEARE ALL'INTERNO DELLA SLOT-MACHINE DI STATO FABBRICATRICE DI SOGNI E DISPENSATRICE DI FORTUNE PER OSCURI SOGGETTI.
 
CHE SCHIFO, SIGNOR PRESIDENTE: CHE SCHIFO!

CORDIALMENTE

ENZO CUMPOSTU
CITTADINO ITALIANO

INVIATA AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA ON. PROF. SERGIO MATTARELLA VIA WEBMAIL ATTRAVERSO IL FORM PRESENTE SUL SITO UFFICIALE DEL QUIRINALE
www.quirinale.it




permalink | inviato da enzocumpostu il 20/10/2015 alle 15:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

17 ottobre 2015

IL MAXI SEQUESTRO DI DROGA A CAGLIARI A BORDO DEL CARGO "JUPITER" DEVE FARCI PENSARE A UN NOSTRO IPOTETICO RUOLO DI GUARDIANI DEL MEDITERRANEO, IN PREVISIONE DELLA PREVENZIONE DI TRAFFICI ILLEGALI INTERNAZIONALI MA NON SOLO...

Il maxi sequestro operato dal GICO in collaborazione con altre forze dell'ordine europee nella nave cargo Jupiter rientra nella teoria che vede la Sardegna in una posizione strategica nel Mediterraneo fino ad ora quale porto di sbarco/imbarco di loschi traffici internazionali ma in questo caso la Sardegna si è dimostrata strategicamente un luogo e passaggio pressoché obbligato finalmente attentissimo in maniera scrupolosa quale "controllore della legalità del traffico marittimo mercantile".

Una sempre più funzionale rete di raccolta di dettagliate informazioni, acquisite nei porti di origine e di destinazione (nonché eventuale transito momentaneo) permetterà agli uomini e le donne delle Fiamme Gialle di "placcare" determinate unità mercantili scoprendo concretamente cosa trasportano. 
Si è evidenziata la notizia del risultato ottenuto anche in relazione alla attrezzatura a disposizione del Reparto Operativo Aeronavale di Cagliari: bene io ritengo che al giorno d'oggi strumenti particolari che consentono di ispezionare intercapedini, pareti, parti di chiglie e scafi possano rappresentare un determinante supporto all'attività (insostituibile) dell'uomo.

Mi domando: riusciremo ad arrivare al punto di avere a disposizione apparecchiature di rilevazione di differenti tipologie di sostanze stupefacenti che consentono l'esatta individuazione senza essere costretti a smontare - per esempio - un veicolo pezzo per pezzo?

Comunque, l'attività HUMINT resta la più importante in casi analoghi a questo. E la collaborazione con le intelligences militari potrebbe essere ancora più importante e determinante nella riuscita di una operazione.

Permettetemi di scrivere potrebbe: in quanto grosse partite di droga rappresentano spesso moneta di scambio, pulita e non tracciabile, per il finanziamento di terroristi, guerre civili, rivolte e rovesciamento di stati sovrani con tutto ciò che ne consegue.

Dovremmo avere sempre più questo ruolo di " guardiani del Mediterraneo" e "check point del Tirreno".




permalink | inviato da enzocumpostu il 17/10/2015 alle 21:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

11 ottobre 2015

LA PROTEZIONE CIVILE IN SARDEGNA E UNA NUOVA RIORGANIZZAZIONE DISTRIBUTIVA DI NUOVA CONCEZIONE NEL TERRITORIO DEI DISTACCAMENTI: L'IMPIEGO DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI QUALE COMPLEMENTARIETA' AGLI ORGANICI DEL CORPO NEL TERRITORIO

Poco meno di due settimane fa sono rientrato da un breve tour in Corsica, isola sede di due dipartimenti francesi e che nonostante sia a soli quaranta minuti di navigazione dalla Sardegna non avevo fino ad ora visitato. Mea maxima culpa.

Viaggiando nei tortuosi e infiniti tornanti dell'interno, nella strada che da Ajaccio porta verso Corte prima e Bonifacio poi, ho potuto notare che il territorio, ovvero anche i più piccoli opaesi di 4-5000 abitanti, hanno la loro squadra di pompieri, perfettamente equipaggiati, non solo in ragione dell'elevata presenza di boschi, vero e proprio patrimonio naturale ed economico per la popolazione corsa e biglietto da visita per il turista francese ed internazionale ma anche in virtù della particolare conformazione del territorio con tutti i pregi e difetti che ne possono derivare, anche in ambito di protezione civile.

Altra cosa che ha attirato la mia attenzione: il fatto che in alcune località vi erano dei centri di soccorso unificati ovvero dei luoghi, posti fuori dal centro abitato, dai quali sia i Sapeurs Les Pompiers che le ambulanze medicalizzate SAMU (il Servizio di Urgenza ed Emergenza Sanitaria in Francia) partivano in contemporanea quando era richiesto l'intervento per entrambe in particolari eventi vedi ad esempio il classico e banale incidente stradale.

E in quel momento ho pensato, anzi ripensato, alla mia terra e al fatto che la presenza territoriale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco risulta essere anacronistica e dettata da vecchi concetti di gerarchizzazione relativamente all'importanza politica assunta in riferimento alle presenze in determinati luoghi rispetto ad altri: questo sia in termini di organico realmente a disposizione sia di mezzi ed equipaggiamenti personali e di squadra, reparto. 

Una soluzione potrebbe essere rapresentata dal'impiego dei cosiddetti Vigili del Fuoco Volontari quali complemento e supporto al Corpo Nazionale VVFF.

Creando, quale prima cosa, un Centro di Reclutamento, Formazione e Addestramento a carattere regionale, individuando tra i Comandi Provinciali dell'isola la sede maggiormente idonea e che risponda al soddisfacimento delle esigenze tecnico-logistiche che tale presenza comporterebbe.

Per seconda cosa, una volta reclutati, formati, addestrati scrupolosamente i VFV e dichiarati ufficialmente con status di Vigili del Fuoco Volontari provvedere alla creazione di "Sottodistaccamenti" ( a livello squadra) ovvero centri intermedi tra i Comandi Provinciali VF e i Distaccamenti VF in ambito provinciale, in comuni che raggiungono un X numero di abitanti oppure creando un "sottodistaccamento" ogni agglomerato di comuni per un numero Y di abitanti.

Ogni "sottodistaccamento" dovrebbe avere un responsabile e uno o più vice ressponsabili a seconda della grandezza e dell'importanza rigorosamente appartenenti al Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, corpo che dovrebbe provvedere inoltre alla fornitura dei mezzi, strumenti ed equipaggiamenti singoli e di squadra necessari per poter affrontare qualsivoglia emergenza e situazione. Oltre a provvedere ad organizzare frequenti corsi di aggiornamento.

Pensate solo a cosa significherebbe tutto ciò nell'accorciare notevolmente i tempi di intervento nel far si che la quantificazione del danno su cose o territori sia di minor impatto ma principalmente nella tutela della vita umana.




permalink | inviato da enzocumpostu il 11/10/2015 alle 14:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

5 ottobre 2015

1995-2015 A VENT'ANNI DA FIUGGI LA DESTRA ITALIANA HA LA POSSIBILITA' DI RIVITALIZZARE LA NAZIONE




permalink | inviato da enzocumpostu il 5/10/2015 alle 7:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
luglio        novembre