.
Annunci online

 
enzocumpostu 
Enzo Cumpostu: cose dette e non...
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Croce Rossa Italiana
Esercito Italiano
Arma dei Carabinieri
Polizia di Stato
Guardia di Finanza
Centrale Operativa 118 MILANO
118 Italia.net
On. Gianfranco Paglia (Magg. par. MOVM R.O.)
Forze Armate Israeliane
Associazione Paracadutisti d'Italia
Associazione Radioamatori Italiani
Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta
Enzo Cumpostu: biografia in sintesi
Alleanza Nazionale
Servizi Informazione e Sicurezza della Repubblica Italiana
NATO JFC Napoli
La Questura di Nuoro sul Web
Cap. Carla Selvestrel
  cerca

IO VIVO PER LEI... IO NON SO CHE COSA NE SARA' DELLA MIA VITA E SE MAI TROVERO' QUALCUNA CHE MI AMI E SOPPORTI MA UNA COSA E' CERTA: TU RESTERAI SEMPRE NEL MIO CUORE. FINO ALLA FINE... 4 NOVEMBRE 1918 - 4 NOVEMBRE 2012 Quasi un secolo è passato dal primo grande conflitto armato di coinvolgimento globale o da quella che per noi italiani potrebbe essere stata la quarta guerra d'Indipendenza; centinaia di migliaia di morti in quel di Redipuglia e non solo. Fronti e trincee, ospedali da campo e ospedali militari di presidio delle volte improvvisati alla bell' e meglio in conventi, scuole, chiese. Il ruolo della Croce Rossa Italiana e di quella Internazionale, le storie di uomini e donne: americani obiettori ante-litteram e bellissime crocerossine britanniche che si incontrano e si innamorano: dietro tutta l'assurdità di una guerra non compresa da molti, ufficiali compresi. Dedicato a una Donna Speciale: film "Addio alle Armi" con Rock Hudson, Jennifer Jones, vittorio De Sica e Alberto Sordi. THE MASTER OF THE GUITAR: ABSOLUTELY (VIDEO EMBEDDED FROM THE BBC BRITISH BROADCASTING CORPORATION)

Silendo Libertatem Servo: io servo la libertà in silenzio; questo era il motto dei cosiddetti "Gladiatori" appartenuti per circa quarant'anni alla famosa organizzazione NATO conosciuta come "Stay Behind". Prossimamente un articolo che considererà le due facce della medaglia: la Gladio ufficiale e quella non ufficializzata e smentita da tutti coloro che ne fecero in un certo qual modo parte definita "Gladio delle Centurie"; due versioni su come era organizzata la Stay Behind soprattutto su quelli che furono i ruoli della medesima in Italia e all'estero.



Al di fuori della mischia:
La torre di Babele
( blog di Pino Scaccia )

http://liberaliperisraele.ilcannocchiale.it



DISCLAIMER ATTENZIONE:
l'Autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori lesivi dell'immagine o della onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. I commenti offensivi, su richiesta della parte lesa, potrebbero essere dunque rimossi. Inoltre, chiunque possa vantare diritti d'autore su immagini, testi o filmati contenuti in questo blog, può segnalarmelo, per vedere ripristinato il proprio primato, al seguente indirizzo di posta elettronica: 
enzocu@tiscali.it  



La torre di Babele   



Return to Website

Powered by Technorati

Locations of visitors to this page 







banner Tocqueville
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.
Non puo' per tanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001.






Previsioni Meteo Nuoro


 

Diario | Il Guastafeste | Donne Speciali | Dedicato agli amici | L'altra faccia dell'Amore | Diversamente abili ma...Dinamici!!! | Di tutto un pò | Caro Enzo, ti scrivo... | Lettera aperta a... | 118, Croce Rossa e dintorni... | VideoMiscellanea | Chiacchierata virtuale con... | Politica regionale | Panorama Difesa in Italia e Forze Armate nel mondo | Politica locale | Security & Intelligence | L'OSSERVATORIO ITALIA | EUROPEE 2014 CON FRATELLI D'ITALIA |
 
Diario
1visite.

27 febbraio 2015

NON POSSIAMO RESTARE A GUARDARE

 

(Fonte immagine: Google Search Engine)
 
Essere definiti dei veri Fratelli d'Italia è un concetto altissimo e di massima considerazione e gratificazione; una definizione chiara ed inequivocabile e che va ben oltre alla formazione politica che il sottoscritto appoggia a livello nazionale e regionale.
Gianfranco Paglia è un amico, in primis, ma il concetto molto più ampio e che spazia nel mio modo di concepire l'attaccamento alla nostra terra e alle nostre radici va ben oltre ai confini e i limiti di una formazione politica, va ben oltre al fatto che sia stato parlamentare prima del PdL e poi di Futuro e Libertà.
Il Tenente Colonnello Paglia è mio amico e Fratello d'Italia a pieno titolo, soprattutto dopo il suo intervento a "Servizio Pubblico", su La7, ospite di Michele Santoro, ex-giornalista rompicoglioni di mamma Rai prima e di Mediaset poi.
Ritengo che nessuno possa ribattere a quanto ha affermato circa il fatto che le Forze Armate italiane, in  un qualsiasi contesto operativo in diverse aree "calde" del mondo, seppur impegnati in cruente attività- a fuoco, hanno sempre e soltanto avuto quale prima e unica finalità la garanzia o il ristabilire della pace e di migliori condizioni di vita sociale delle popolazioni coinvolte, in perfetta sintonia con l'articolo 11 della Costituzione della Repubblica Italiana.

E non ho particolarmente gradito il fatto che qualcuno abbia avuto a che ridire sul fatto che abbia presenziato in trasmissione in divisa da ufficiale; si è presentato come militare non come politico, quindi stiamo molto attenti nell'esternare giudizi e critiche nello specifico.

E questo avverrà anche in un eventuale impiego delle quattro Forze Armate in territorio libico per contrastare l'avanzata dell'Islamic State e del suo orrore. Sperando che si possa contare, nella lotta a questo mostro a tantissime teste, nel coinvolgimento globale per poterlo sconfiggere: la NATO e l'Organizzazione delle Nazioni Unite con i suoi Caschi Blu.
 




permalink | inviato da enzocumpostu il 27/2/2015 alle 12:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

17 febbraio 2015

TRIPOLI BEL SUOL D'AMORE ( DA PERDERCI LA TESTA!)

Dalla bacheca Facebook di Enzo Cumpostu, Nuoro 17/02/2015 

Quando nelle Forze Armate si è arrivati a certi livelli nella catena di comando, volente o nolente i tre-quattro stelle italici sono sempre dei mentori di qualche politico. O aspiranti statisti e presunti tali.
E' naturale, fisiologico: Mini, grande generale di corpo d'armata, con alle spalle una espereinza notevole maturata con la KFOR, in questa intervista tradisce probabilmente anche la sua natura politica.

Io, da ultimo ignorante, senza aver mai assistito a una sola lezione di Scienze Strategiche e senza aver mai messo piede al Centro Alti Studi Difesa dico che l'eventuale internazionalizzazione del conflitto in terra libica non sarebbe inizialmente consigliabile per le forze terrestri, eccezion fatta per l'élite, sicuramente capace di uscire "dal pantano" che egli delinea in un ipotetico scenario da combattimento a medio e lungo termine.

La Brigata delle forze da Sbarco MM e EI, diversi reparti della Folgore e di altre Brigate dell'Esercito, alcuni reparti dei Carabinieri ma anche l'Aviazione dell'Esercito riuscirebbero ad operare con professionalità, precisione, rapidità, efficacia di neutralizzazione.

Riguardo, poi, alla gestione democratica da esportare, si possono sempre studiare forme di governo create ad hoc, esaminate da esperti.

E tutto all'insegna di ottenere il massimo risultato in termini operativi e il minor danno per la popolazione civile, senza dimenticare ovviamente quanto vitale sia la Libia per l'Italia e non solo.

Calma. Meditare. E imparare a divenire abili, abilissimi giocatori di scacchi, quanto e più di Putin.

http://www.tgcom24.mediaset.it/…/-in-libia-si-combatterebbe…

Il generale Mini, comandante della missione Nato in Kosovo, avverte: "Facile entrare in guerra, ma si rischia di rimanere impantanati"
TGCOM24.MEDIASET.IT
Mi piace ·  · 




permalink | inviato da enzocumpostu il 17/2/2015 alle 16:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
gennaio        marzo