Blog: http://enzocumpostu.ilcannocchiale.it

Antonello Podda: UN POSSIBILE ALLEATO DEL CENTRODESTRA ( lista civica PROGETTO NUORO FUTURA elezioni per il rinnovo del consiglio comunale di Nuoro 2010)

 
(nella foto:Antonello Podda promotore della lista civica Progetto Nuoro Futura: elezioni per il rinnovo del Consiglio Comunale di Nuoro)
 
Antonello dopo diverso tempo ritorni alla carica nello scenario della politica cittadina con la presentazione di questa lista civica denominata Nuoro Futura: ti chiedo subito ovviamente se - in caso di vittoria - ti schiererai con noi del centrodestra
 
A.P.: "Progetto Nuoro Futura è una lista civica che nasce per contribuire all'aggregazione delle forze politiche che vogliono creare un'alternativa all'attuale maggioranza in Comune e Provincia. Per realizzare il risultato di una nuova e – se possibile – migliore amministrazione è disponibile ad un accordo programmatico con tutte le forze politiche, anche quelle di centrodestra; noi miriamo ad un'alleanza civica, che abbia al centro il programma e si ritrovi intorno a personalità forti candidate a Sindaco e Presidente della Provincia"
 
Ora ti farò alcuni nomi e cognomi di spicco del centro sinistra e del centro destra dell'ambaradam politico Nuorese, dallo scranno del consiglio comunale a quello regionale fino ad arrivare in Parlamento; ad ognuno di essi dovrai associare massimo tre aggettivi: Roberto Deriu, Mario Zidda, Ivo Carboni, Anna Maria Mura, Francesco Guccini ( non quello della locomotiva) Giuseppe Tupponi, Roberto Capelli, Pietro Pittalis, Silvestro Ladu, Bruno Murgia.
Un aggettivo anche per Ugo Cappellacci.
 
A.P.: "Per questa domanda mi avvalgo della facoltà di non rispondere, per prudenza. Solo di Anna Maria Mura ti dico che è una donna coraggiosa, colta e altruista."
 
Tu sai che nel Maggio del duemilacinque, grazie a Bruno Murgia, mi presentai come candidato al consiglio comunale di Nuoro e tra le cose che difendevo con estrema fermezza vi era anche la "questione caserma" e la costituzione ex-novo di un reparto dell'Esercito in città; sei un uomo che proviene dal mondo cattolico e delle Parrocchie, non voglio credere che da parte tua ci sia un avversione verso le stellette: qual'è la tua opinione in proposito?
 
A.P.: "Io sono favorevole a qualsiasi attività che porti a Nuoro posti di lavoro onesti, e i militari sono fra questi; se poi mi chiedi un giudizio sulle attività delle nostre Forze Armate, allora il discorso diventa più complicato. Sono un pacifista convinto e mi piacerebbe davvero un mondo senza guerre, e in questo sono certamente condizionato dalla mia fede cattolica."
 
Detto tra noi: quali sono stati fino ad ora i veri impedimenti che hanno frenato la nascita di una vera e propria Università degli Studi come Dio comanda qui a Nuoro? Sassari e Cagliari o incompetenze e incapacità oggettive locali?
A.P.: "Un'infinità di motivi e di persone. In sintesi posso dire: incapacità di guardare un po' più lontano del proprio naso, amministratori del Consorzio non all'altezza, scarsa convinzione dell'importanza dell'Università da parte degli amministratori e quindi dei nuoresi. Zidda e Deriu, con le loro stupide divisioni, hanno poi messo la pietra tombale al discorso."
 
Il comune denominatore che ci unisce ( politicamente in futuro spero non l'unico) è il nostro datore di lavoro: il Servizio Sanitario Regionale. In poche parole puoi elencare i pregi e i difetti che balzano all'occhio sia da parte dell'utenza che a parte di un esperto del settore, visto che sei un dirigente amministrativo?
 
A.P.: "Il pregio del Servizio Sanitario rimane quello di un'offerta sanitaria di medio livello data a tutta la popolazione, con ottime professionalità nei diversi settori e molti operatori che fanno il proprio mestiere con invidiabile abnegazione e amore al proprio lavoro. I difetti sono nell'organizzazione complessiva. La riforma in senso aziendale ha portato – finora – solo una grande disinvoltura nella gestione del denaro pubblico e un livello dell'apparato amministrativo mediamente più basso che negli altri settori della P.A.. La politica continua a esercitare un ruolo non suo, entra nella gestione del quotidiano e condiziona eccessivamente tutto l'andamento. Io sono un sostenitore della riforma approntata dalla Regione, se venisse attuata come nella legge originaria, purtroppo ho paura che non sarà cosi!"
 
Quello che va e non va nel terzo settore a Nuoro, compresa la cooperazione sociale. Non risparmiare critiche se costruttive...
 
A.P.:"Non sono più attento come un tempo, ma direi che è prevalsa la gestione sulla proposta. Rispetto agli anni '90 le coop. si sono adeguate a ciò che chiedono le amministrazioni locali rinunciando – salve poche lodevoli eccezioni – a nuove proposte di servizi che migliorino la qualità della vita delle persone. Vedo anche una minore attenzione all'inserimento dei disabili nel mondo del lavoro e quindi il prevalere del “business” alla scopo sociale. Mi piacerebbe quindi una nuova stagione di proposte di servizi innovativi, di critica alle amministrazioni interessate, di sfida alta a chi realizza il servizio migliore."
 
Cambiamo argomento: si dice che presto in città verranno sistemate decine e decine di videocamere per la videosorveglianza e la sicurezza dei cittadini e degli operatori commerciali e non solo: sei favorevole?
 
A.P.: "Sono – da sempre – favorevole alle telecamere e al loro utilizzo a fini di prevenzione e repressione dei grandi e piccoli crimini, per intenderci dallo stupro all'imbrattamuri. Sono personalmente disponibile a sacrificare un po' della mia privacy per avere più sicurezza. Sono però preoccupato della serietà di chi gestisce queste immagini, ma questo discorso riguarda anche le intercettazioni telefoniche e ogni genere di strumento di controllo; tutto dev'essere usato con misura e buon senso."
 
Altri grandi temi: bambini, anziani, diversamente abili; spesso voi politici ci "sguazzate" un pò con queste categorie ( scusa lo sfogo di un appartenente a una di queste lobbies...) per ognuno di questi grandi temi una proposta.
A.P.:"Rispondo volentieri non essendo – per usare le tue parole – fra quelli che ci “sguazzano”. Nuoro non è a misura di bambino ed allora – in estrema sintesi – occorrono più asili e scuole materne, più spazi gioco dentro la città, più sostegno alle famiglie. Gli anziani saranno a breve maggioranza; non si tratta di una categoria omogenea; occorre migliorare l'assistenza a domicilio per coloro che non stanno bene, offrire più opportunità culturali e per il tempo libero per gli altri; l'utilità degli anziani è talmente preziosa da non poter essere sottoutilizzata come accade adesso. I diversamente abili devono vedere l'amministrazione attenta - non a parole – ai loro problemi; penso che occorra ridiscutere il “patto” con la ASL, e mettere a disposizione più risorse per famiglie e imprese. Occorre creare le condizioni perchè il disabile abbia maggiori opportunità di uscire di casa con dignità, che possa lavorare (se la sua condizione lo consente), che riscopra nella città quella solidarietà che pare scemare ogni anno che passa."
 
Personalmente ritengo che la Polzia Municipalòe in città vada leggermente rivista: non pensi che sarebbe oppportuno rivalutare seriamente l'utilizzo del carro attrezzi nonché l'impiego dei dispositivi autovelox ma solo in strade urbane e, in ultimo, l'eespletamento del servizio -almeno una pattuglia- in ore notturne e, sopratutto, armati?
 
A.P.:"Sono d'accordo al carro attrezzi, d'accordo ai turni notturni, un po' meno all'autovelox, specie se utilizzato per “fare cassa” come è stato in questi anni. A questo proposito, se fossi Sindaco, fare immediatamente togliere i dossi che sono stati inseriti un po' dappertutto, li ritengo inutili e in alcuni punti addirittura dannosi."
 
Come sai sono Volontario di una associazoone a carattere nazionale da circa tedici anni che opera nel 118 ovunque, che ha dato un ocntributo decisivo e determinante in Abruzzo e da pochi mesi ad Haiti : secondo te perché a differenza di altre città - come Olbia nella quale tu lavori - qui è diffiicile fare volontariato? Esiste un "cartello" in questo senso?
 
A.P.:"Non sono d'accordo che a Nuoro sia difficile fare volontariato; non conosco bene il settore specifico nel quale tu operi e quindi magari mi sfugge qualcosa, ma in generale mi sembra che gli spazi per lavorare con gratuità ci siano e non rilevo molti sbarramenti; piuttosto mi sembra che ci sia un po' di volontà di concentrarsi nei settori più “pubblici” e meno in quelli sotto il riflettore. A questo proposito voglio concludere questa “interrogazione” facendoti io un quesito. Da diversi anni insegno – proprio come volontario – nel Carcere di Badu 'e Carros, e quest'anno i miei allievi – tutti con pene molto lunghe – sono di Diploma. Cosa ne pensi della condizione dei detenuti e sei d'accordo per delle azioni concrete che ne migliorino la vita detentiva e quindi facilitino la riabilitazione e il reinserimento in società?"
 
RISPOSTA DI ENZO CUMPOSTU: ANTONELLO, INNANZITUTTO TI RINGRAZIO DI AVER COLLABORATO DANDO IL VIA A QUESTE CHIACCHIERATE VIRTUALI SUL MIO BLOG: RISPONDO SUBITO AL TUO INTERROGATIVO DICENDO CHE A SECONDA DELLA TIPOLOGIA DEL REATO, A SECONDA DELLA PERICOLOSITA' SOCIALE DEL DETENUTO NON AVREI NESSUN PROBLEMA PER UN SERIO PROGRAMMA DI REINSERIMENTO SOCIALE E LAVORATIVO. OCCORRE PERO' CREARE DELLE COMMISSIONI INTERDISCIPLINARI E INTERMINISTERIALI PER VALUTARE, CASO PER CASO, QUALI SONO I DETENUTI CHE POSSONO GODERE DI QUESTI BENEFICI E QUALI NO. VALLANZASCA, PER ESEMPIO, NONOSTANTE FINO A POCHI ANNI FA FOSSE CONSIDERATO UNA MENTE CRIMIALE IRRECUPERABILE OGGI GODE DELLA SEMILIBERTA' MA HA ORARI E ITINERARI BEN STABILITI CHE PERCORRE IN BICICLETTA DAL CARCERE VERSO I LABORATORI DI UNA COOPERATIVA SOCIALE CHE PRODUCE ARTICOLI DI PELLETTERIA. OCCORRE FARE MOLTA ATTENZIONE: NO VORREI CHE MOLTI DI QUESTI BENEFICI POI SI ALLARGASSERO AI GRANDI CAPOCCIONI  E MAMMA SANTISSIMA DELLA MAFIA, 'NDRANGHETA, CAMORRA, SACR CORONA UNITA, MAFIA ALBANESE, CINESE, RUSSA, DEL BRENTA E CHI PIUì NE HA PIU'...NE METTA! C'E' POI IL DISCORSO DEI POLITICI CORROTTI, DI QUELLI COLLUSI, DI QUELLI COLLUSI E CORRROTTI. I QUALI VARCHERANNO LE PORTE DELLE PATRIE GALERE. E' SOLO UNA QUESTIONE DI TEMPO. MANDEREMO ANCHE LORO A FARE BORSETTE?  :-)

Pubblicato il 14/3/2010 alle 16.43 nella rubrica Chiacchierata virtuale con....

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web